PROTOCOLLO ECTOMORFIT

5,90€

Che cos’è?

  • Programma di allenamento specifico per gli ECTOMORFI

Esistono principalmente 3 somatotipi: Ectomorfo, Endomorfo e Mesomorfo.
Ognuno di essi possiede caratteristiche fisiche peculiari, a seconda delle
quali andrebbero curati nel dettaglio, allenamento e alimentazione.

Gli Ectomorfi sono persone longilinee, di costituzione magra, con arti lunghi,
che trovano difficoltà ad ingrassare e ad incrementare la massa muscolare.

Titolo Libro

A cosa serve?

  • Incrementare la Massa Muscolare
  • Sviluppare e mantenere la Forza

Data la difficoltà dell’Ectomorfo di aumentare la massa muscolare e il rischio di incorrere nel sovrallenamento, le sessioni allenanti e la loro programmazione vanno curati con cura.
Questo somatotipo ha generalmente bisogno di allenarsi poco, evitando volumi di allenamento eccessivi.
Sessioni troppo lunghe potrebbero inificiare l’intero programma, inoltre bisognerebbe concentrarsi sull’uso dei pesi, limitando l’attività cardio, che rischia di stressare esageratamente il corpo.
Quindi 3 o 4 sedute di allenamento settimanali, sono più che sufficienti per ottenere risultati.
Importantissimo stimolare sia la Forza che l’Ipertrofia e abbinare il tutto ad una alimentazione con un adeguato apporto calorico 

Quanto dura ogni sessione? 

  • Circa 30 minuti

A seconda del livello di preparazione personale è possibile tarare la quantità di lavoro giornaliero.
In base alle propria capacità di recupero è essenziale saper dosare il volume intrasessione e settimanale onde evitare rallentamenti negli adattamenti fisiologici.

 

Quanto dura il programma? 

  • Almeno 8 settimane

Il corpo umano ha bisogno di tempo per apportare cambiamenti significativi, quindi è importante pazientare e ripetere l’allenamento per almeno 8 settimane in modo da ottenere un adattamento adeguato al programma.

Di cosa ho bisogno? 

  • Qualunque tipo di sovraccarico

(Bilanciere, Manubri, Kettlebell, Panca Multifunzione, Weighted Vest ecc…)

 

È un tipo di allenamento che, per gli obiettivi e per la struttura del programma, necessita dell’utilizzo di sovraccarichi.
E non basta, bisogna accertarsi di avere gli strumenti per riuscire a lavorare con intensità intorno al 90% del proprio massimale.
Allenarsi completamente a corpo libero non permette di sfruttare a pieno alcune delle fasi previste, a meno che non si utilizzi una zavorra da indossare con carichi variabili a seconda delle proprie capacità e degli esercizi da svolgere.

Inoltre avere a disposizione più strumenti possibili permette di variare gli
esercizi da eseguire, limitando fortemente l’insorgenza dell’abitudine e della noia, oltre che stimolare il corpo in modo sempre diverso.

Bisogna tenere sempre a mente che il fattore varietà durante un programma di allenamento, se utilizzato con criterio, porta numerosi vantaggi dal punto di vista dei risultati raggiungibili, evitando possibili situazioni di stallo.

 

Share This